Archivi tag: natura

Perché non dovrei fare un haiku?

Potrei non aver mai composto un haiku. Diciassette sillabe, leggo, suddivise così: 5-7-5. Contenuto semplice e conciso, in genere di argomento naturale. Perché non dovrei fare un haiku? Mi voglio cimentare. Ma come si faa scegliere un soggettocosì, a comando? … Continua a leggere

Pubblicità

Pubblicato in Lo scrittoio, Poesie | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

E invece la natura

Mentre fate le vostre guerre per i confini sacri, la nazione e il gas, ci sono mucchi di rifiuti sparsi nella terra, che aspettano di essere raccolti. Mentre discutete se sia più saggio cercare di evitare a tutti i costi … Continua a leggere

Pubblicato in Lo scrittoio, Orwell, Un sacco di gente con il sacco | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Otto chilometri

QUI ho aperto una parentesi, rispetto ai soliti temi, inviando chi legge a uscire alla scoperta dei campi, oppure di quel po’ di natura che sopravvive un città. QUI ho rinnovato l’invito, a un giorno di distanza, precisando che non … Continua a leggere

Pubblicato in Camminante, foresta diffusa | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Oggi è il domani di ieri

Ieri invitavo all’uscita, alla scoperta della natura, della campagna, o della natura in città. A chi tempo non ne aveva, consigliavo di uscire l’indomani. Che è oggi. Oggi è il domani di ieri. Consiglio dunque per oggi le stesse cose. … Continua a leggere

Pubblicato in Camminante | Contrassegnato , , | 1 commento

Se stai leggendo questo

Se stai leggendo questo messaggio in casa, esci di casa e guarda che c’è il cielo – oggi non è chiuso – azzurro o nuvoloso non importa; se leggi questo testo, prendi la via dei campi; se non hai campi … Continua a leggere

Pubblicato in Camminante, Lo scrittoio | Contrassegnato , , | 3 commenti

Il punto di vista dei ricci

Dal punto di vista dei ricci, dei piccoli animali, la natura è certamente più grande, e il verde dell’erba è un mare. Mi sforzo di osservare il bosco dal punto di vista dei più piccoli. >>> Ho scattato queste foto … Continua a leggere

Pubblicato in Bosco Baden-Powell Mesagne, Camminante, foresta diffusa | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Cambiano davvero, le cose

Cambiano davvero, le cose, quelle che sembrano immutabili, pure, oltre ovviamente a quelle vorticose della modernità, del rumore quotidiano. Cambiano davvero, e Facebook mi ripropone oggi l’immagine che pubblico qui sopra, una foto di dieci anni fa. Vedo gli ulivi, … Continua a leggere

Pubblicato in Camminante, Cittadinanza attiva, foresta diffusa | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Salviamoci

Io li vedo gli alberi di finto pepe nel parcheggio del supermercato. Come sono cresciuti rispetto alle esili piante che erano all’inizio! E so che, se non ci fosse più l’umanità, colonizzerebbero l’intera area di sosta, che l’erba creperebbe l’asfalto, … Continua a leggere

Pubblicato in Cittadinanza attiva, foresta diffusa, Orwell | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

S’aprono improvvisi i prati tra le case

S’aprono improvvisi | i prati tra le casee non è ancora campagna. Per me rotolerei, | il corpo in mezzo ai fiori,la testa vuota, contenta. Il cielo e gli steli: | le case non contano.Solo gli odori, i colori. Per … Continua a leggere

Pubblicato in Camminante, Cartoline, Poesie | Contrassegnato , , , , , , | 2 commenti

Aspettative

Mi porti il parco e le sue aiuole quando chiedo campagna, e spettinata la natura, e rami a altezza di testa, in un sentiero in movimento. Mi porti il canto della radio, dove vorrei le cicale, e rinnovata la paura, … Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento