Acqua

Dal mio monologo «Il latte versato», uno stralcio del quale ho già pubblicato QUI. È un componimento lungo in cui parlo, più che altro, di guerra, cambiamenti climatici e economia di mercato, tutte questioni stettamente legate fra loro.

È una distesa d’acqua molto bella,
ora che viene il sole,
ora che i raggi nuotano nell’acqua
e per le strade alluvionate, piene,
ecco distendersi viali di Venezia,
canali fatti d’acqua di Venezia,
solo che è terraferma, mica laguna con i remi.
E parlano le immagini allo schermo
di strade d’acqua quieta e adesso arriva il sole
e asciugherà quest’acqua
che prima tumultuava nella notte.
Fango rappreso dopo non inghiotte,
ma il fango ha già succhiato la sua preda
di corpi e di conforti casalinghi;
il fango ha fatto morti, morti,
morti che erano vivi
e ora si piangeranno morti.

(Mario Badino, dal monologo «Il latte versato»)

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in Orwell, Poesie e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Acqua

  1. Rapsodia e denuncia.
    Ecco perché abbiamo sempre più bisogno della voce del poeta.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.