Pandora

Dice che fu Pandora,
messa alla prova dal gran re d’Olimpo,
a procurare il danno:

fu scoperchiato il dono, regalato
al fine non espresso
di fare uscire fuori tutti i mali.

Dice, però è menzogna:
già prima di quel vaso erano in terra
le seccature, i guai

e l’insoddisfazione di se stessi,
l’invidia e l’omicidio,
la sete di potere dei cretini;

già prima erano svelte
a farsi vecchie le passioni,
finanche i grandi amori.

Non fu Pandora bella col suo vaso
a procurare il danno,
Pandora incuriosita dal divieto:

a lei fu dato il ruolo
di vittima espiatrice per celare
gli errori progettuali

scappati nei disegni al re d’Olimpo.
O forse fatti apposta,
perché gli dei invidiano i mortali.

(Mario Badino, 19 novembre 2022)

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in Poesie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Pandora

  1. Silvana ha detto:

    Tu mi piaci, Pandora, hai fatto quello che molte di noi avrebbero voluto e non hanno osato. Sorella di espiazione solo per conoscere già l’insoddisfazione di sé, il potere delle passioni svelte a farsi vecchie.
    Solo per aver già visto i bagliori dell’Olimpo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.